Giu 262012
 

tre cortometraggi sui centri d’identificazione ed espulsione

di Alexandra D’Onofrio

in collaborazione con Gabriele Del Grande

http://fortresseurope.blogspot.it/2012/03/tre-corti-sui-centri-di-identificazione.html

Un bambino di cinque anni che si ostina a chiedere alla mamma dov’è finito papà e perché non torna più a casa. Le mani di un ragazzo innamorato che tremano scosse dalla rabbia in una gabbia, un attimo prima della rivolta. E il limbo di un uomo che da ex prigioniero si prende cura degli amici ancora dietro le sbarre, contando i giorni che mancano alla loro uscita. Sono le storie di Kabbour, Nizar e Abderrahim. Tre nomi per raccontare le vite che stanno dietro alle statistiche della macchina delle espulsioni. Così la regista Alexandra D’Onofrio prova a ribaltare l’estetica della frontiera. Affinché inumeri del Viminale tornino a essere uomini e donne in carne e ossa. Con una storia che va oltre il Cie, che ha un prima e un dopo, un dentro e un fuori la gabbia. E con un dato universale, che sia l’amore, la paternità o la solitudine, in cui tutti noi ci possiamo identificare per avere la certezza che nel 2012 viaggiare non è e non può essere un reato.

Qui trovate le schede e i trailer dei film:
L’Amore ai tempi della Frontiera (20 minuti)
La fortuna mi salverà (18 minuti)
Papà non torna più (15 minuti)

Alexandra D’Onofrio, regista e antropologa, è nata a Londra da madre greca e padre italiano. Laureata in antropologia alla School of Oriental and African Studies di Londra, è conduttrice di laboratori di teatro dell’oppresso e ha collaborato con la scuola di italiano Asnada a Milano. Prima de La vita che non CIE, ha realizzato il corto Senso (premio Vita al Milano filmMaker 2007) e l’audio-documentario fotografico Caught in between Darkness and Light sul viaggio verso il Regno Unito di un gruppo di rifugiati partiti da Milano e bloccati a Calais. Attualmente lavora presso l’Università di Manchester a un dottorato in antropologia visuale e teatro applicato sull’immaginario delle migrazioni.
Per contattarla: alexandra.donofrio@yahoo.it

  2 Responses to “La vita che non CIE”

  1. my dacuments no prot no 106613 em 2012
    identificative domanda BS4703704989

  2. PLEASE ANSWER ME WHAT PROMBLIMS OF MY DACU MENTS

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)