Mag 072016
 

Esiste ancora il trattato di Schengen che prevedeva la libera circolazione dei cittadini europei? I muri, il autoformazione europafilo spinato, la rete al Brennero, la “giungla di Calais”, la polizia schierata a Idomeni rappresentano la crisi di un’Unione Europea in bilico tra la chiusura delle frontiere dei singoli Stati e la necessità di una forza-lavoro migrante precaria e senza diritti.

Dopo l’accordo tra l’Unione Europea e la Turchia che prevede il blocco militare dei flussi migratori in cambio di denaro, il governo Renzi propone un Migration compact che estende quel modello di accordo ai paesi africani con accordi bilaterali per le espulsioni, centri di detenzione nei paesi di origine e di transito e la separazione netta tra richiedenti asilo e “migranti economici”

Per parlare di tutto questo ci vediamo

Venerdi 13 maggio alle ore 20.00 a Cross-point in via Battaglie 33/b – Brescia 

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)