Apr 162015
 

0027Più di due settimane non è poco. Soprattutto per una lotta dei/delle migrante per i permessi di soggiorno che, a differenza di altri soggetti che producono conflitti, non è legata alla difesa di un posto di lavoro, alla trasformazione di un luogo di studio, a un territorio per contestarne il degrado o la costruzione di una grande opera. Gli spazi di agibilità ed espressione politica per i/le migranti devono essere continuamente trovati, reinventati e infine conquistati. E il confronto/scontro con le istituzioni, siano esse la Questura, la Prefettura, l’Amministrazione comunale, il Ministero dell’Interno, difficilmente segue uno schema che si può riprodurre facendo semplicemente riferimento alle esperienze passate. D’altro canto, guardando anche solo ai tempi più recenti, dallo sciopero dei/delle migranti del marzo 2010 all’interno della campagna europea “Un giorno senza di noi” alla lunga lotta contro la sanatoria-truffa nell’autunno dello stesso anno sfociata nell’occupazione della gru, si è visto come le forme e le modalità delle lotte, la composizione sociale e di genere dei soggetti migranti coinvolti sono variate e non di poco. Come del resto la stessa difficoltà del dispiegarsi di un sostegno attivo e partecipato alle ragioni dei/delle migranti da parte di settori sociali della città, come invece si era verificato in passato, ha mostrato i problemi di questa lotta e quanta strada abbia fatto il razzismo istituzionale a Brescia. Un razzismo molto insidioso, perché non immediatamente riconoscibile, fatto di leggi, procedure, comportamenti istituzionali, divieti, uso  discriminatorio della burocrazia, interpretazione palesemente restrittiva delle norme. Gli stessi incontri con il Comune e con il Ministero sono stati quanto meno interlocutori. Molte parole e niente fatti. In attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato sull’interpretazione della legge e del nuovo Prefetto. Con un fatto grave da registrare: la mancata disponibilità del Ministero a emanare pubblicamente circolari o decreti in modo da affrontare il caso Brescia con la RIAPERTURA D’UFFICIO di tutte le domande respinte. Tutto sarà ancora delegato alle istituzioni locali (Questura e Prefettura) e i/le migranti non potranno rivendicare un diritto certo.

Ora dopo più di due settimane si è probabilmente a un punto di passaggio: si può rimanere all’interno di un percorso, sicuramente utile, fatto di tavoli e interlocutori istituzionali ma che non andrà certo a mettere in discussione la legge Bossi-Fini. Oppure si può ragionare su come iniziare a forzare le leggi sull’immigrazione adottando forme e obiettivi di lotta che direttamente le mettano in discussione. La legge Bossi-Fini deve essere abolita perché fonte di clandestinità. sfruttamento, sanatorie-truffa, e su questo c’è una diffusa condivisione tra le associazioni migranti e antirazziste. Ma è proprio nel momento del conflitto, della lotta – anche se parziale e iniziata localmente – che si dà lo spazio e il tempo politico per aprire un percorso per la sua abolizione.

Le richieste di RADDOPPIARE IL TEMPO DI DURATA dei permessi di soggiorno, anche per ricerca occupazione, di istituire il “SILENZIO-ASSENSO” nel rilascio e nel rinnovo dei permessi di soggiorno una volta scaduti i termini previsti dalla legge, il drastico ABBASSAMENTO DEI LIMITI DI REDDITO per ottenere il permesso di soggiorno sono obiettivi che possono integrare e potenziare la richiesta di apertura delle migliaia di pratiche respinte a Brescia. Ciò diventa, secondo noi, possibile ad alcune condizioni: la consapevolezza che è necessario allargare la lotta a tutti i soggetti migranti e antirazzisti, costruire relazioni politiche e sociali con lo scopo di consolidare la mobilitazione, coinvolgere attivamente le associazioni migranti e antirazziste di altre città e territori che in questi anni si sono battute contro il legame tra permesso di soggiorno e contratto di lavoro. In poche parole dare nuova linfa a una mobilitazione a un conflitto che per vincere deve vedere al centro il protagonismo dei/delle migranti di Brescia ma non solo.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.